REC-attacco a guida cilindrica

L’accoppiamento cilindrico dell’attacco REC fornisce alla connessione protesica l’ottimale “dolcezza” d’inserzione e di disinserzione limitando notevolmente i traumi provocati all’elemento pilastro. La sua forma, in una vasta gamma di dimensioni ed inclinazioni, risente in modo più contenuto delle piccole imprecisioni di montaggio. Diverse versioni di matrici inoltre, consentono la scelta di tutte le tecniche di fissaggio attualmente conosciute.

VERSIONI:
– MICRO: alto e lungo, con doti di resistenza eccezionali, consigliato ogni qualvolta lo spazio lo consenta
– SUPERMICRO: basso e lungo, che può essere applicato nella quasi totalità dei casi protesici, con particolare indicazione per quelli a masticazione bassa, dove lo spazio disponibile non è sufficiente per alloggiare la versione MICRO
– CORTO: basso e corto, che risolve, senza dover ricorrere a compromessi, i casi protesici caratterizzati da spazi notevolemente limitati (3-4, 4-5)

VANTAGGI:
• Matrice intracoronale disponibile anche in plastica calcinabile
• Femmina extracoronale di grandi dimensioni per garantire un fissaggio migliore
• Facilità d’inserzione della protesi
• Può essere attivato
• Facile sostituzione del maschio
• Una femmina specifica può essere incollata evitando problemi di saldatura e sovraffusione
• Matrice realizzabile intracoronalmente con il fresaggio

INDICAZIONI:
Protesi parziali inferiori e superiori
Protesi combinate intercalate e in estensione
Protesi monolaterali e bilaterali

Visualizzazione di 2 risultati